Navigazione veloce

Progetto di consolidamento “NON UNO DI MENO”

L’esperienza scolastica pone i docenti di fronte a gruppi classe dove alcuni alunni, pur essendo di intelligenza nella norma, non riescono ad avere successo nello studio. A ciò va aggiunta  la presenza di alunni stranieri nel nostro istituto scolastico, per  i quali, una volta favorita l’accoglienza e l’integrazione sociale, va facilitato lo sviluppo delle abilità linguistiche che permettano loro l’accesso agli apprendimenti disciplinari.

Questo progetto va ad integrare, insieme ad altri progetti considerati parte integrante del nostro PTOF, il  curricolo predisposto dalla nostra istituzione scolastica nel rispetto delle finalità, dei traguardi di competenza e degli obiettivi di apprendimento individuati dalle “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione” (Bozza del 30 maggio 2012). Lo fa con la programmazione di particolari interventi che, più che “di recupero”, preferiamo chiamare “di consolidamento” per svestirli dall’alone di negatività che generalmente li accompagnano. Gli alunni non li  dovranno  vivere  come un demerito ma, come si evince dalla struttura e dalle modalità di attuazione del progetto, come un’esperienza di piacere e di gioia perché l’intelligenza si sviluppa e porta frutto solo nella gioia dello scoprire insieme.

Saranno avviate strategie didattiche volte al superamento della lezione frontale, per realizzare attività laboratoriali in piccoli gruppi, avvalendosi di strategie quali: cooperative learning, pear to pear, brainstorming, problem solving…

 

 

non uno di meno